L’Agricoltura sociale è una risorsa per il Paese: welfare, lavoro e produzioni di qualità

Nota congiunta di Cia, Confagricoltura, Copagri, Forum Nazionale Agricoltura Sociale, Rete Fattorie Sociali, CNCA, Capodarco e Legambiente sui dati CREA

L’agricoltura sociale è diventata a pieno titolo una risorsa importante per l’Italia in termini occupazionali, di produzioni agricole di qualità e di welfare territoriale. Lo affermano in una nota congiunta Cia-Agricoltori Italiani, Confagricoltura, Copagri, Forum Agricoltura Sociale, Rete Fattorie Sociali, CNCA, Capodarco e Legambiente.

La nuova conferma arriva dai dati della recente indagine conoscitiva del CREA con Rete Rurale sull’agricoltura sociale, che attesta la forte crescita del settore negli ultimi 5 anni, con investimenti per 20,3 milioni e attività finalizzate nel 71% dei casi all’inserimento socio-lavorativo delle fasce più deboli della popolazione (disabili, disoccupati con disagio, detenuti, immigrati).

Il livello d’innovazione raggiunto non consente una battuta di arresto che andrebbe a discapito dei reali beneficiari: imprese agricole, mondo della cooperazione e del terzo settore, soprattutto i soggetti fragili.

Il lavoro svolto dall’Osservatorio Nazionale sull’Agricoltura Sociale è finalizzato a sviluppare reti di rapporti solidi, responsabili e duraturi, al fine di creare un processo costruttivo e di crescita, che faticosamente si è portato avanti grazie al valore delle esperienze del territorio nonostante i tempi lunghi della politica e di una farraginosa burocrazia -evidenziano i componenti dell’Osservatorio che hanno sottoscritto la nota-. Sollecitiamo le Istituzioni a mantenere alta l’attenzione sull’agricoltura sociale per permettere la stesura delle norme attuative della legge 141/2015 e l’istituzione di un marchio nazionale, capace di far conoscere e valorizzare le produzioni delle imprese agricole che lavorano in questo ambito in rete con gli altri attori territoriali, sviluppando la coscienza sociale e la crescita sostenibile e inclusiva dell’agricoltura.

Attività formative e dimostrative nel Lazio

150 ore di attività formativa gratuita

Destinatari: giovani dai 18 ai 41 anni non compiuti residenti nella Regione Lazio, addetti del settore agricolo, alimentare e forestale e dei gestori del territorio e di altri operatori economici che siano PMI che esercitano l’attività nelle aree rurali

 

Titolo dei corsi: Acquisizione competenze per imprenditore agricolo professionale (eventualmente utile anche ai fini del rilascio della qualifica)

Tematiche: metodi e processi di agricoltura sociale, promozione della capacità imprenditoriale, multifunzionalità e diversificazione, promozione e valorizzazione dell’agri-biodiversità, adempimenti fiscali, amministrativi e politiche agricole, igiene e sicurezza sul lavoro, tutela ambientale

Province dove si svolgono i corsi: Roma – Latina – Frosinone

L’Avviso lo trovate cliccando qui: RomaLatinaFrosinone

 

25 ore di attività dimostrativa professionale gratuita

Destinatari: residenti nella Regione Lazio che operano, anche in qualità di dipendenti (compresi coadiuvanti e membri della famiglia agricola), nel settore agricolo, forestale, agroalimentare, nella gestione del territorio, tra cui tecnici pubblici e privati ed altri attori economici le cui imprese di riferimento rientrano nel campo delle piccole e medie imprese

 

Titolo delle attività dimostrative: Impresa agricola per l’innovazione sociale

Tematiche: multifunzionalità agricola e diversificazione delle attività aziendali; differenze tra multifunzionalità e diversificazione; relazioni economiche e sociali dell’impresa multifunzionale; imprenditore agricolo multifunzionale; sviluppo delle interazioni tra gli attori pubblici e privati locali

Province dove si svolgono le attività: Roma – Viterbo – Rieti – Latina – Frosinone

Gli Avvisi li trovate cliccando qui

 

Titolo delle attività dimostrative: Nuova olivicoltura e olio extravergine d’oliva

Tematiche: processi di estrazione dell’olio extravergine (tradizionale/continuo a tre fasi/continuo a due fasi); analisi sensoriale dell’olio extravergine prodotto con i sistemi di estrazione a tre e a due fasi; presupposti per prevenire difetti nella fase di gestione della coltura in campo, nella fase di lavorazione e produzione dell’olio e nella conservazione del prodotto finito

Province dove si svolgono le attività: Roma – Viterbo – Latina – Frosinone

L’Avviso lo trovate cliccando qui: RomaViterboLatinaFrosinone

 

Titolo delle attività dimostrative: Produzione e trasformazione delle piante officinali

Tematiche: caratteristiche delle erbe officinali e dei piccoli frutti; tecniche di coltivazione delle principali erbe officinali; erbe officinali e piccoli frutti nell’alimentazione; erbe officinali nel settore erboristico e para-farmaceutico; tecniche di trasformazione e commercializzazione dalle erbe officinali e dei prodotti derivanti dai piccoli frutti ; marketing e promozione per valorizzare i prodotti derivanti dalle erbe officinali

Province dove si svolgono le attività: Roma – Latina – Frosinone

L’Avviso lo trovate cliccando qui: RomaLatinaFrosinone

 

Titolo delle attività dimostrative: La gestione del rischio in agricoltura

Tematiche: prevenzione e forme di gestione del rischio in agricoltura, utilizzate in Italia ed in altri Stati membri dell’Unione europea; costi degli strumenti di prevenzione e gestione; accesso ai contributi di sostegno pubblico

Provincia dove si svolgono le attività: Roma

L’Avviso lo trovate cliccando qui: Roma

 

 

Per informazioni e prenotazioni scrivete una mail a: info@fattoriesociali.it

Aperte iscrizioni per attività dimostrative su innovazione sociale

Sono partite le adesioni all’Attività Dimostrativa Professionale “Impresa Agricola per l’Innovazione Sociale”, organizzata da ENAPRA, in collaborazione con Rete Fattorie Sociali, e finanziata dalla Regione Lazio, da svolgere rispettivamente in provincia di Rieti, in provincia di Viterbo e in provincia di Roma.

Le iniziative sono due per ciascuna provincia

Partecipanti a ciascuna iniziativa: 20 persone che operano, anche in qualità di dipendenti (compresi coadiuvanti e membri della famiglia agricola), nel settore agricolo, forestale, agroalimentare, nella gestione del territorio, tra cui tecnici pubblici e privati ed altri attori economici le cui imprese di riferimento rientrano nel campo delle piccole e medie imprese.

La durata di ogni iniziativa è di 25 ore.

Le tematiche riguardano:

  • multifunzionalità agricola e diversificazione delle attività aziendali
  • differenze tra multifunzionalità e diversificazione
  • relazioni economiche e sociali dell’impresa multifunzionale
  • imprenditore agricolo multifunzionale
  • sviluppo delle interazioni tra gli attori pubblici e privati locali

La partecipazione è gratuita.

Le domande vanno presentate:

  • entro le ore 12 del 10 aprile 2018 per la provincia di Rieti
  • entro le ore 12 del 13 aprile 2018 per la provincia di Viterbo
  • entro le ore 12 del 18 aprile 2018 per la provincia di Roma
  • entro le ore 12 del 4 maggio 2018 per la provincia di Latina
  • entro le ore 12 del 16 maggio 2018 per la provincia di Frosinone

 

Scarica:
Avviso per la provincia di Rieti

Avviso per la provincia di Viterbo

Avviso per la provincia di Roma

Avviso per la provincia di Latina

Avviso per la provincia di Frosinone

Scheda di adesione per la provincia di Rieti

Scheda di adesione per la provincia di Viterbo

Scheda di adesione per la provincia di Roma

Scheda di adesione per la provincia di Latina

Scheda di adesione per la provincia di Frosinone

 

Per informazioni e prenotazioni scrivere una mail a: info@fattoriesociali.it

L’agricoltura si apre al disagio sociale: Interventi Assistiti con gli Animali

 

Ieri a Foggia una folta platea ha partecipato alla Presentazione dei Corsi per gli Interventi Assistiti con gli Animali finanziati da FOR.AGRI e organizzati da ENAPRA, Rete Fattorie Sociali, Confagricoltura, CIA, SMILE Puglia, Associazione S.U.D. Solo Uguali Diritti, con la collaborazione delle Università degli Studi di Teramo e di Torino. Patrocinata dal Comune di Foggia, l’iniziativa è rivolta agli operatori del comparto agricolo,veterinari, psicologi, pedagogisti e a tutte le persone che intendono specializzarsi negli interventi mediati dagli animali a scopo educativo e terapeutico.

La forte attenzione riscossa nel corso dell’incontro conferma l’idea che interagire con gli animali fa bene ed è un’esperienza che aiuta le persone a sentirsi meglio con se stessi e con il mondo.

Le aziende agricole multifunzionali svolgono anche un servizio educativo, terapeutico e sociale diventando così un presidio capace di contrastare il disagio sociale e supportare le persone con disabilità anche con gli Interventi Assistiti con gli Animali. Chi attiva questi interventi, necessariamente deve farlo acquisendo conoscenze e competenze specifiche.

“L’agricoltura sociale rappresenta una rivoluzione pacifica che permette di migliorare la vita di tante persone fragili e di rendere i territori in cui si realizza un territorio ancora più bello da vivere”, queste le parole del presidente della Rete Fattorie Sociali, Marco Berardo Di Stefano.

“Gli Interventi Assistiti con gli Animali (IAA) rappresentano un’idea innovativa di multifunzionalità per le aziende agricole e, al contempo, un nuovo strumento per supportare le persone con disagio sociale e disabilità” ha dichiarato la coordinatrice dei corsi IAA, Assunta di Matteo, pedagogista clinico e coordinatrice della Rete fattorie sociali Puglia.

Ad aprire l’evento il vice presidente di Confagricoltura Foggia, Dott Nicola Gatta che ha evidenziato quanto Confagricoltura sia attenta al tema dell’agricoltura sociale e pronta a contribuire allo sviluppo dei territori rurali anche attraverso gli Interventi Assistiti con gli Animali. Dopo i saluti del Sindaco del Comune di Foggia Landella, sono intervenuti rappresentanti e relatori di spicco come la prof.ssa Ponzio dell’ Università di Torino,  il dott. Ferrandino che in veste di medico e presidente di CIA Capitanata ha rilevato i benefici derivanti dalle Terapie e Interventi educativi,  Antonio De Maso, presidente Smile Puglia; Gianluigi Colomba psicologo dell’Associazione SUD Solo Uguali Diritti che da anni si occupa di Ippoterapia e IAA con persone con disabilità; Federica Tudini, coordinatrice ENAPRA.

1° Bando Tesori 2018

Fondazione Snam, in collaborazione con Rete Fattorie Sociali e Confagricoltura, promuove il 1° Bando “Tesori” 2018. TErre SOlidali in Reti Inclusive, dedicato a progetti di agricoltura sociale che favoriscano l’innovazione, l’inclusione e generino un impatto positivo sulle comunità locali.

A chi si rivolge
Questo 1° bando, cui ne seguiranno altri, si rivolge ad imprenditori agricoli in forma singola o associata, cooperative sociali, enti del Terzo Settore, start-up innovative a vocazione sociale (SIAVS).

I progetti
I progetti devono essere incentrati sulla valorizzazione di terreni di proprietà di Snam nelle Marche e dovranno contenere significativi elementi di innovazione per la comunità e gli attori coinvolti, prevedendo strategie e metodi di valutazione di impatto e di comunicazione sociale appropriati alle azioni previste e avere. Beneficiari dei progetti: minori e giovani in situazione di disagio sociale, anziani, disabili, immigrati, detenuti.

Premio in palio
Per i vincitori del bando è prevista la concessione dei terreni in questione, in comodato d’uso gratuito per dieci anni, fondi di denaro, un supporto tecnico e borse di studio per il Master on-line in Agricoltura Sociale organizzato dall’Università di Roma Tor Vergata.

Deadline

Le domande di partecipazione e la relativa modulistica va presentata entro le ore 12.00 del 3 aprile 2018.

Vai al Bando

Presentazione Corsi per Interventi Assistiti con gli Animali

Venerdì 23 febbraio 2018, alle ore 17, si svolgerà a Foggia, presso la sede di Confagricoltura, Palazzo AMGAS, Salone Energia, la Presentazione dei Corsi per gli Interventi Assistiti con gli Animali finanziati da FO.AGRI e organizzati da Rete Fattorie Sociali, Confagricoltura, CIA, SMILE Puglia, Associazione S.U.D. Solo Uguali Diritti, con la collaborazione delle Università degli Studi di Teramo e di Torino.

Parteciperanno Leo Di Gioia, Assessore Agricoltura Regione Puglia, Francesco Morese, Assessore Agricoltura Comune di Foggia, Filippo Schiavone, Presidente Confagricoltura Foggia, Michele Ferrandino, Presidente CIA Foggia, Marco Berardo Di Stefano, Presidente Rete Fattorie Sociali, Antonio Salvatore De Maso, Presidente  SMILE Puglia, Gianluigi Colomba, Associazione S.U.D. Solo Uguali Diritti, Patrizia Ponzio, Dipartimento Scienze Veterinarie Universtità di Torino, Federica Tudini, Coordinatrice ENAPRA, Assunta di Matteo, Coordinatrice Corsi.

Scarica qui la locandina

Presentazione delle attività formative sugli interventi assistiti con gli animali

La Rete Fattorie Sociali, l’Enapra, l’Università di Teramo, l’Università di Torino, Smile Puglia, l’Associazione SUD (Solo Uguali Diritti), CIA (Confederazione Italiana Agricoltori) e Confagricoltura promuovono sull’intero territorio pugliese il corso propedeutico per
gli interventi assistiti con gli animali.

La presentazione delle attività formative si svolgerà a Tricase (LE) venerdì 16 febbraio 2018, alle ore 18,30, presso Scuderie di Palazzo Gallone, Piazza Pisanelli.

Scarica qui la locandina

Premiazione Bando Coltiviamo Agricoltura Sociale

Giovedì 11 gennaio 2018, alle ore 10:30, nella sede nazionale di Confagricoltura, Corso Vittorio Emanuele II, 101, Roma, si svolgerà la Premiazione dei vincitori del Bando “Coltiviamo Agricoltura Sociale Edizione 2017”, indetto da Confagricoltura e da Onlus Senior, in collaborazione con Rete Fattorie Sociali, Università di Roma Tor Vergata e Intesa Sanpaolo.

Saranno presenti alla cerimonia i Presidenti della Commissione Agricoltura di Camera e Senato, l’Istituto Superiore di Sanità ed il Rettore dell’Università di Roma Tor Vergata.

Interverranno i ministri Maurizio Martina, Giuliano Poletti, Beatrice Lorenzin.

Vedi la locandina

BUON ANNO!

Il Presidente della Rete Fattorie Sociali, Marco Berardo Di Stefano, ha inviato agli operatori dell’agricoltura sociale il seguente messaggio di Capodanno:

 

Cari amici, cari colleghi,

vorrei condividere con voi alcune riflessioni sul 2017 che sta per volgere al termine.

Nell’anno appena trascorso è stato insediato, presso il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, l’Osservatorio nazionale dell’agricoltura sociale, uno strumento importante che permette di avere un dialogo tra tutti gli attori sociali e istituzionali interessati al tema dell’agricoltura sociale.

L’attività dell’Osservatorio si è concentrata sul confronto relativo al Decreto attuativo della Legge 141/2015. Si è trattato di un percorso caratterizzato da una intensa collaborazione tra la maggior parte delle organizzazioni presenti al tavolo, che, attenuando le differenti posizioni iniziali e con molto buon senso, hanno elaborato e presentato al Ministero una proposta comune. Il documento portava la firma di ben undici organizzazioni. Questa iniziativa unitaria è stata un segnale importante per le istituzioni perché ha dimostrato il grande senso di responsabilità degli attori dell’agricoltura sociale.

Il 21 dicembre scorso, la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano ha raggiunto l’intesa sullo schema di Decreto del Ministero delle Politiche agricole. Sarà nostra cura divulgarlo, appena esso avrà completato l’iter di approvazione.

Il passaggio successivo nell’attuazione della legge sull’agricoltura sociale sarà quello della stesura delle linee guida per l’attività delle istituzioni pubbliche e la successiva implementazione della normativa nazionale a livello regionale. Passaggio estremamente delicato che seguiremo con attenzione nei tavoli di lavoro istituiti da diverse Regioni, consapevoli che da tale attività istituzionale dipenderà notevolmente, nei prossimi anni, lo sviluppo delle iniziative di agricoltura sociale sui territori.

In relazione alla programmazione 2014-2020 mi corre l’obbligo, inoltre, di fare due riflessioni di ordine contrapposto.

La prima è positiva e riguarda il fatto che il ruolo indispensabile dell’agricoltura sociale è ormai definitivamente e costantemente riconosciuto nella politica di sviluppo economico e di welfare del nostro paese; il merito di questo va agli operatori dell’agricoltura sociale che, con il coinvolgimento della comunità tutta, quotidianamente realizzano una rivoluzione pacifica, volta a rendere il nostro paese un posto ancora più bello dove vivere.

La seconda riflessione è che, spesso, l’attenzione riposta sull’agricoltura sociale si affievolisce nella programmazione regionale. Gli interventi predisposti e i relativi bandi sono  insoddisfacenti e contraddittori, con ritardi burocratici che molte volte vanificano l’utilizzo delle risorse pubbliche a discapito soprattutto delle persone più fragili che sono i principali beneficiari delle attività.

Nell’azione volta a fornire gli strumenti utili agli operatori dell’agricoltura sociale, sono tante le iniziative a cui abbiamo lavorato nel 2017. Per non dilungarmi molto in questa nota, ne ricordo soltanto due.

La prima è il Concorso  “Coltiviamo agricoltura sociale”, promosso da Confagricoltura e Senior L’età della saggezza ONLUS, che nella sua seconda edizione è cresciuto ed ha visto l’assegnazione di tre premi ad iniziative di agricoltura sociale per un totale di € 120.000 e tre borse di studio per il Master in agricoltura sociale incardinato presso l’Università di Tor Vergata. Il Ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, anche in questa edizione, parteciperà alla premiazione dei vincitori. E ci ha fatto piacere che, in un suo intervento alla FAO, il Ministro abbia voluto citare come esempio di integrazione la Cooperativa Barikamà, da lui stesso premiata nell’edizione 2016.

La seconda iniziativa che mi piace ricordare è il Master in agricoltura sociale, istituito in collaborazione con l’Associazione Oasi, presso la Scuola IAD dell’Università di Tor Vergata,  e che nel 2018 vedrà partire la sua terza edizione. Le persone che, nelle prime due edizioni, hanno concluso il percorso di studi o lo stanno concludendo, con le competenze acquisite, saranno una importante risorsa per lo sviluppo dell’agricoltura sociale nei propri territori.

Scrivendo queste poche righe, rivedo gli occhi e i sorrisi delle tante persone che ho avuto la fortuna di incontrare e che hanno arricchito la mia vita. Ringrazio tutti e, in particolare, coloro che nella Rete Fattorie Sociali da anni, con puro spirito di servizio, competenza e generosità, danno il loro fondamentale contributo per far si che l’agricoltura sociale possa continuare a crescere nel nostro paese.

Vi auguro buon lavoro! Buon anno!

 

Interventi assistiti con animali. Formazione da gennaio 2018

La Rete Fattorie Sociali ed Enapra organizzano, in partnership con l’Università di Teramo, l’Università di Torino, Smile Puglia, Associazione SUD (Solo Uguali Diritti), CIA (Confederazione Italiana Agricoltori) e Confagricoltura, il corso propedeutico per gli interventi assistiti con gli animali ed il corso base per il coadiutore dell’animale (dell’asino o del cavallo o del cane).

I corsi saranno erogati a partire da Gennaio 2018 per una durata di 80 ore totali. L‘orario ed il calendario saranno progettati tenendo il più possibile in considerazione le necessità degli iscritti.

Il corso è rivolto a tutti coloro, professionisti o operatori, che desiderano operare all’interno dell’equipe multidisciplinare che si occupa dei cosiddetti Interventi Assistiti con Animali (IAA) con vari ruoli, pertanto possono iscriversi coloro che, nell’ambito degli IAA, vogliono acquisire il ruolo di coadiutore dell’animale, responsabile di progetto, referente di intervento e responsabile d’attività.

La durata di ogni corso è di 80 ore e partiranno dal mese di gennaio 2018 ogni qual volta sarà raggiunto il numero minimo di partecipanti.

Per i dipendenti delle aziende iscritte al For.Agri, inoltre, è possibile fare richiesta di voucher.

Per info e costi scarica la locandina informativa oppure visita il sito www.foragri.com